Racconti dai campi

Il video della nostra Rosa di Gorizia. Da generazioni, tra emozione e valori.

16 novembre 2017

Volevamo che tutto fosse racchiuso in un video. Un racconto che in meno di due minuti condensasse valori e tipicità della Rosa di Gorizia, con un’immagine e un linguaggio evocativi, di emozione e tradizione, caratteristiche del pregiato radicchio che, di per sé, sa essere protagonista di storie.

Ed è proprio un “racconto dai campi” il video che presentiamo in anteprima su questo blog e che nasce dall’incontro tra Massimo Santinelli  e il regista goriziano Cristian Natoli. Cristian ha interpretato con un concetto identificativo forte, e semplice allo stesso tempo, l’essenza della Rosa di Gorizia dell’Azienda Agricola Santinelli e, anche più in generale, il valore e la rilevanza della rosa per tutto il territorio. Come dice il claim: “La Rosa è l’oro della nostra terra”.

 

Il concetto è il “passaggio”, visto da diversi aspetti. Il primo, quello tra generazioni: dai nonni, che conservano l’esperienza della rosa, ai nipoti in un legame intimo e trasferimento di conoscenze e passione condivisa, tramandata. Allo stesso modo c’è un passaggio all’interno del ciclo della pianta: da bocciolo a rosa matura, il fiore che si mostra nella sua bellezza di forma e di colore rosso intenso. Un “dietro le quinte” dai campi che diventa poi la vetrina dei prodotti, nel passaggio dalla “cova”, alla bottega, alla tavola attraverso l’imprenditore (suo anche il progetto Biolab).

La narrazione è semplice e poetica, la fotografia (con la direzione di Debora Vrizzi) si focalizza sui primi piani, accompagnata dalla voce fuori campo.

Oltre ai personaggi – un grazie particolare al bambino Jacopo Mocchiutti e al nonno Paolo Buiat – protagonisti sono anche i luoghi: i campi dell’azienda agricola e il bunker della cova. Un luogo solido, suggestivo, da conoscere e percorrere per conoscere il fiore che lì cresce.

Il video è prodotto da Tesla Production.

Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someone